1. A CHI CI SIAMO ISPIRATI

 

La nostra più grande fonte di ispirazione è Ippocrate.

 

Già 2000 anni fa diceva: “Fa che il cibo sia la tua medicina, e la medicina sia il tuo cibo.”

 

Secondo Ippocrate, il padre della medicina, il cibo era la causa e la cura per le diverse patologie che colpivano i nostri antenati.

 

Dopo un’attenta osservazione, una grandissima mole di studio e una immensa pratica clinica, senza i potenti mezzi della tecnologia, era arrivato alla conclusione che la salute dell’uomo dipendeva soprattutto dal cibo che introduceva.

 

Ed invece oggi ci troviamo quotidianamente ad affrontare le innumerevoli problematiche legate alla pratica sportiva, senza comprendere quanto sia importante una corretta alimentazione.

 

Questa è stata la nostra fonte di ispirazione:guardare il passato per comprendere il futuro.

 

Purtroppo al giorno d’oggi troppi professionisti della salute si focalizzano più sul sintomo che sulla causa del tuo infortunio, della riduzione della tua performance o della tua costante stanchezza, perdendo di vista le vere ragioni del tuo malessere.

 

Noi crediamo e siamo fermamente convinti che una corretta alimentazione giochi un ruolo cruciale nell’eziologia (la causa) e nel decorso di una condizione clinica conseguente alla pratica sportiva.

 

Per questo vediamo il cibo come lo vedeva uno dei più grandi medici della storia dell’umanità, cioè come la più potente forma di veleno o la più potente forma di medicamento.

 

Tutte, ribadiamo tutte, le condizioni patologiche legate alla pratica sportiva possono essere mitigate o amplificate da ciò che introduciamo, e se il vostro nutrizionista, medico o dietista, non lo dice o lo sottovaluta, o con superficiale banalità minimizza un aspetto così importante ed acclarato dalla comunità scientifica da centinaia di anni, allora vuoi dire che non tiene a te e alla tua salute.

 

Siamo consapevoli che non si possono cambiare le proprie abitudini da un giorno al’altro, ed è proprio per questo che siamo i primi e gli unici ad aver creato un percorso di salute, in cui ti accompagneremo mano per mano a modificare le tue abitudini di vita alimentari, che ti permetteranno, in modo indiscusso ed assoluto, di stare meglio con il tuo corpo, migliorare la tua perfomance e prevenire gli infortuni.

 

Per noi la parola magica è equilibrio.

 

In questo percorso imparerai a gestire le tante difficoltà in modo equilibrato.

 

Imparerai ad utilizzare correttamente gli alimenti ed inserirli in maniera oculata prima, durante e dopo la prestazione sportiva.

 

Imparerai che purtroppo il grande problema dello sportivo sono gli “alimenti spazzatura”, usati in maniera smodata ed incontrollata.

 

Ti insegneremo ad utilizzare i macronutrienti in modo corretto.

 

I carboidrati rappresentano un’importante fonte di energia per gli atleti che praticano sport, ma è necessario dosarli correttamente nei vari pasti della giornata a seconda dell’intensità dell’allenamento/gara  ed in previsione degli orari della prestazione sportiva.

 

E’ necessario comprendere che la quantità di carboidrati da assumere non è uguale tra i giorni di allenamento ed il giorno di gara, e che c’è differenza tra inserirli a colazione, a pranzo o cena, piuttosto che prima, durante o dopo l’allenamento/gara, e chi ti dice il contrario stà solamente arrecando un danno in primis al tuo corpo, ed in secundis alla tua prestazione sportiva.

 

Il cibo spazzatura assunto in maniera eccessiva ed incontrollata, come emerso dalla letteratura scientifica, ha svariati impatti negativi sulla tua salute e sulla tua prestazione sportiva, per cui ci impegniamo a modulare e dosare correttamente la loro presenza nella dieta e offrire una vasta gamma di prodotti “alternativi”, in grado di coniugare salubrità e gusto.

 

Il compito del nutrizionista sportivo è quello di cucire e ritagliare un piano nutrizionale quanto più vicino alle tue esigenze da atleta, seguendo non solo quelli che sono i tuoi gusti personali, l’aspetto del cibo, la tua cultura alimentare e le tue credenze personali, ma soprattutto associando correttamente i cibi in previsione dello sforzo fisico e degli orari di gara.

 

Il concetto alla base del nostro modus operandi è: non “inventarsi” nulla il giorno di gara.

 

Testare e replicare durante la settimana ciò che si farà il giorno del match, e non utilizzare alimenti che normalmente non vengono utilizzati ad orari differenti e con combinazioni alimentari “diverse” da quelle cadenzalmente effettuate, rappresenta per noi la chiave di svolta per ottenere cambiamenti tangibili nella tua prestazione sportiva.

 

L’orario dei pasti è uno dei problemi che maggiormente affligge lo sportivo, poiché allenamenti e competizioni ufficiali avvengono spesso ad orari differenti.

 

Ecco perché ti insegneremo a mantenere una routine costante negli orari dei pasti, e ad eliminare quasi tassativamente alimenti e/o combinazioni alimentari che comportano una digestione lenta, che potrebbe provocare tutta una serie di disturbi durante lo sforzo atletico, tra l’altro particolare rilevante anche a livello gastrointestinale.

 

Ma non siamo così rigidi.

 

Ti lasciamo libero di scegliere tra un pasto più leggero o abbondante, tra un pasto più ricco di carboidrati o di proteine, perché ognuno di noi ha una risposta individuale all’ingestione del pasto e perché una limitazione nelle quantità di cibo da assumere può incidere negativamente sulla tua psiche, non lasciandoti sereno durante la gara.

 

A differenza di altri nutrizionisti, tecnici e preparatori atletici, conosciamo perfettamente quali sono le reali cause della riduzione della performance, e per questo ti aiuteremo a prevenire e contrastare l’insorgenza di tutti quei fenomeni che portano ad un peggioramento della tua condizione fisica durante l’allenamento o la gara, migliorando la tua performance.

 

 

Per questo noi siamo diversi.